Videogiochi
60visto 0 Commenti

ADVENTURES OF MANA

di il 2 aprile 2017
Dettagli
 
Videogiochi
Valorare Editore
Punteggio Totale

Passa il mouse per valutare
Valutazione del visitatore
Punteggio dell'utente

Hai valutato questa

 

Adventures of Mana è un action rpg uscito su Android, iOS e PlayStation Vita nel 2016, remake di Sword of Mana (Gameboy Advance 2003), a sua volta rifacimento del capostipite della serie, nata ben 25 anni fa come spinoff di Final Fantasy, ma con un’attenzione particolare all’azione (ricordiamo che ai tempi i Final Fantasy veri e puri erano rigorosamente a turni). Protagonista della storia in questa versione è Sumo, guerriero tenuto prigioniero assieme ad altri sfortunati ragazzi dal Dark Lord e costretto a combattere mostri in un’arena per il resto dei suoi giorni, salvo riuscire a fuggire un bel giorno ed incontrare una fanciulla di nome Fuji che si rivelerà la chiave per salvare il Mana Tree e di conseguenza il mondo dalle malvagie mire del Dark Lord.

La storia è classicissima e portata avanti tramite sporadici e sintetici dialoghi con i personaggi che aiuteranno Sumo nel suo intento, come il cavaliere Bogard o il nano Watts (nome familiare eh?). Il sistema di combattimento è molto basilare ed è riassumibile con una parola, o meglio, un nome: Link xD Il nostro eroe si aggira per lo scenario menando fendenti ai mostri non proprio intelligentissimi che scorrazzano per i quadri (letteralmente: le aree esplorabili sono dei quadratoni che necessitano di un piccolo caricamento, fastidioso perché i nemici appaiono mezzo secondo dopo Sumo e spesso proprio ADDOSSO a lui, ferendolo lievemente), armato di tutto punto (ci sono circa una ventina di pezzi di equipaggiamento da trovare/acquistare fra elmi, armature e scudi e, man mano che si prosegue con la storia, nuove armi diverranno disponibili e di conseguenza nuove aree esplorabili in quanto ad esse sono legati molti enigmi ambientali).

Sulla schermata di gioco è presente la barra della vita, un’altra sottostante della “furia” che una volta caricata garantisce un attacco più forte con l’arma attualmente in uso, e altri 4 “pulsanti” personalizzabili con oggetti o magie da utilizzare istantaneamente. Gli incantesimi sono quelli basilari che abbiamo imparato a conoscere con i vari Final Fantasy, come cura, esna, sleep o fire, e si apprenderanno proseguendo con la storia. Sconfiggendo nemici, Sumo acquisisce punti esperienza e allo scattare del nuovo livello è possibile scegliere se potenziare maggiormente la forza piuttosto che la sua bravura con la magia, scegliendo fra la classe guerriero, monaco, mago o saggio (niente di eccezionale: si tratta solo di un punticino aggiunto ad un parametro piuttosto che un altro).  Adventures of mana prevede dei menu a ruota per armature, armi, oggetti e magie, molto comodi data la natura portatile del titolo. 

La versione che ho provato (approfittando degli ultimi saldi psn) è quella per psv e devo dire di essere incorsa più volte in un problema relativo al movimento del personaggio: normalmente si può scegliere se usare il touchscreen ​oppure giocare in maniera tradizionale con i tasti ma purtroppo, specie dopo aver messo in standby la console, i controlli impazziscono o non vengono più percepiti, costringendomi a resettare la partita. 

La longevità si attesta su una decina di ore ma dato lo spirito “arcaico” e la ripetitività del gameplay è una durata più che accettabile, mentre tutto il gioco è in inglese ma anche qui, per quei due filetti di dialogo, è abbastanza irrilevante. Merita una nota (ahahah… Ehm) di merito la colonna sonora rimasterizzata, molto gradevole. Concludo decantando i mercanti e i locandieri (tutti palesemente imparentati, un po’ come le infermiere dei centri pokemon, in quanto esteticamente identici), ballerini nati.

Ballano, ballano… Ininterrottamente e senza senso. Deve averli punti qualche insetto xD In definitiva consiglio il titolo qualora si possa approfittare di qualche sconto, spendendo non oltre 8€ per intenderci, anche se personalmente giocare questo titolo ha risvegliato  in me la voglia di recuperare l’originale per Gameboy Advance, che pare migliore sotto molti punti di vista. PS: inserendo “knight for a day” come password presso i mercanti è possibile ottenere una nuova veste argentea per il protagonista.

NICLA BUFO

Sii il primo a commentare!
 
Lascia una risposta »

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.