Interviste
453visto 0 Commenti

Cosplayer Bombykat nel pease delle meraviglie

di il 29 marzo 2018
Dettagli
 
 

Salve lettori, voglio iniziare questa piccola premessa, con un aneddoto su come ho fatto la conoscenza di questa bravissima cosplayer.

Ero in modalità stalker per scovare qualche nuova cosplayer da presentarvi quando i miei occhi si fermano e si illuminano su un cosplay di Akemi Homura dell’anime Madoka Magica.

In quel preciso momento ho capito che la ricerca era finita l’avevo trovata ma adesso bando alle ciance e diamo il via a quest’intervista.

Ciao Kat ti va di presentarti ai nostri lettori (se vuoi spiega anche il tuo nome da cosplayer)?

Ciao a tutti!!! Mi chiamo Katiuscia, per gli amici Kat, ho 29 anni e sono una appassionata di anime, manga e videogame. Nata a Cesena. Sono un tecnico dell’abbigliamento e della moda e lavoro da 9 anni, ma non è un lavoro inerente ai miei studi. Amo la fotografia e tutto ciò che riguarda l’arte. Sono una appassionata del cosplay e cerco sempre di poter migliorare in questo ambito. Il mio nome da cosplayer è BombyKat perché è nato da una idea di un amico che per scherzo l’ho preso seriamente: dall’abbreviazione del mio cognome Bombara – Bomby e del mio nome Katiuscia – Kat e così nacque BombyKat.

A che età ti sei avvicinata al mondo dei cosplay e perchè?

Sono cresciuta fin da piccola guardando anime e leggendo fumetti, immaginandomi al posto dei vari protagonisti nelle varie serie se fossero stati reali, come sarebbe stato salvare la terra dai nemici, come sarebbe stato salvare il mondo con dei poteri magici.. recitando le parole magiche di trasformazione.. ecc..
Mi sono avvicinata al mondo del cosplay esattamente 10 anni fa: prima fiera comics, Lucca Comics per esattezza. Da semplice visitatrice, alla ricerca dei numeri mancati dei miei manga e di qualche accessorio da collezionare. Mi innamorai subito dei cosplayer che vidi in fiera. Tanto che iniziai a scattare foto ad ogni fiera a tutti coloro che mi passavano davanti. E così iniziai a girare le fiere del fumetto: Lucca e Rimini. Ma così non mi bastava più e iniziai ad intraprendere anche io la strada da cosplayer girando le varie fiere d’Italia.

Quale è stato il tuo primo cosplay e perché proprio quello?

Il primo cosplay fu Tess di “The last of us” a Rimini Comics ( ho un vuoto di memoria dell’anno.. ma sarà stato tipo 5/6 anni fa) in gruppo con amici. Non è proprio da considerare importante come cosplay perché me lo affibbiarono gli amici per somiglianza fisica, comunque sia venne realizzata con ciò che avevo in casa. Invece ritengo come mio primo cosplay Alice della Disney, perché amo questo personaggio in ogni “salsa”. È il mio personaggio preferito. E praticamente la portai ovunque migliorandola volta per volta.

Cosa pensi del movimento del cosplay in italia?

Il mondo del cosplay è cambiato. Basta pensare che in passato si realizzava un cosplay con ciò che si aveva in casa, la parola chiave era “divertimento”. Mentre al giorno d’oggi deve risultare perfetto in ogni aspetto dimenticando molto spesso la fase del divertimento.
Comunque sia penso che sia un bellissimo hobby dove può premiare la bravura portando anche a vari rami nel mondo del lavoro, come ad esempio il cinema.

Nel tuo modo di fare cosplay ti ispiri a qualcuno o è tutta farina del tuo sacco?

Non mi ispiro a nessuno. Vado a istinto e sopratutto seguo le mie idee. Però ammiro tantissimo Giada Robin e Yuriko Tiger, loro due sono coloro che seguo con tutto il cuore in questo mondo. Diciamo che sono il mio punto di riferimento!

In media quanto ci metti a preparare un cosplay?

Dipende dal personaggio che scelgo di interpretare e dal tempo, sopratutto dal tempo. Se il mio lavoro mi porta via tanto tempo, li compro online e aspetto il tempo di spedizione ecc.. ritoccandoli e aggiungendo dettagli se mancano.Se il mio lavoro mi lascia un po’ di respiro compro tessuti e accessori e me li creo da sola. E qua in base al livello del personaggio ci posso mettere da 2/3 giorni a mesi.

Quanto è difficile far combaciare la costruzione di un cosplay con le cose delle vita come il lavoro, studio?

Tanto. Sono una che lavora a tempo pieno, convivo con il mio ragazzo, pratico sport e impegni familiari.

Quale ricordo hai della tua prima fiera e hai mai partecipato ad un contest ?

Tantissime risate ed emozioni. Sopratutto i sorrisi e la felicità dei bambini e dei genitori stessi. Gli abbracci che mi hanno dato. E le nuove amicizie che ora sono diventate importanti! E strano ma vero, non ho ancora partecipato ad un contest, ma prossimamente ho in programma di esibirmi  🙂 

Quale è stata la soddisfazione più grossa riguardo al cosplay?

La soddisfazione più grande è quando dopo tutto l’impegno che metto per assomigliare il più possibile al personaggio le persone riescono a riconoscerlo.

Hai mai avuto problemi in fiera con qualche fan sgarbato o qualche cosplayer rivale?

Mi ritengo una persona tranquilla e fortunatamente non ho nessun rivale. Fan sgarbati purtroppo sui social se ne trovano a valanga..

Hai mai fatto cosplay con il tuo partner, se si come è stato?

Si!!! Ed è stato emozionante!

Cosa hanno fatto e detto i tuoi genitori quando hanno visto esplodere la tua passione per questo affascinante mondo?

I miei genitori mi appoggiano! Non ho mai avuto problemi. Anzi a volte mia mamma mi consiglia o mi aiuta nelle creazioni se mi trovo in difficoltà, è stata sarta quindi ne sa più di me anche se ho studiato il settore moda.

Per te fare cosplay è solo passione o cerchi di farlo diventare anche un lavoro?

Per il momento è solo passione ma se dovesse diventare un lavoro, non ci sputo sopra. Anzi per me sarebbe una bellissima avventura!

Quali sono gli Anime/Manga che più ti hanno appassionato nella tua vita quale stai seguendo  e quale consiglieresti di guardare?

Sono innamorata persa fin da bambina per Sailor Moon, ho sempre amato lo stile di disegno di Naoko, oltre ai vari temi che ha inserito nella saga. Successivamente Dragon Ball, One Piece, Evangelion, Ranma 1/2, tutte le opere delle Clamp, ecc.. se mi metto ad elencare tutto facciamo notte sicuro 😀 . Sto seguendo su Netflix Violet Evergarden che un episodio esce ogni giovedì. Ecco, sto aspettando che esca il prossimo episodio! 😳  Ovviamente Violet Evergarden 😉

Parlando di musica cosa ne pensi della musiche degli anime?

Adoro le opening giapponesi degli anime. Infatti ho quasi tutte le opening sul mio iPod! Musicalmente sono orecchiabili e molto spesso mi emozionano più di quelle italiane.

Collezioni anche action figures e altri gadget vari o ti limiti al cosplay?

Colleziono action figures, manga/fumetti, artbook, accessori, gadget, peluche..

Secondo te, c’è un confine tra cosplay e il mettere in mostra tette, sederi e muscoli e cosa pensi di chi strumentalizza il cosplay solo per colmare la sua sete di esibizionismo a livello fisico?

Bella domanda. Dipende sempre dal personaggio che si sceglie di interpretare: se è un personaggio che non lo richiede è solo fan service, se invece è un personaggio che lo richiede beh, non ci vedo nulla di male. ehhhh penso che ormai sia più diventato una moda..

io e lo staff di PlayItaly ti ringraziamo per questa intervista ti è piaciuta vuoi aggiungere qualcosa per i nostri lettori?

Un saluto a tutti i lettori di Playitaly e ringrazio con tutto il cuore per questa intervista lo staff! e vorrei anche ringraziare i fotografi (Nausicaa Rondina, Amanda Alessandrini, Anna Moriconi, Emanuele Bellotti, Simone Valdinoci, Giorgia Cingolani, Penne Foto, Samuele Laurenzi) che mi hanno fatto gli scatti che potete ammirare in questa intervista. Infine se volete seguirmi potete trovarmi su:

Facebook: @Kat BombyKat Bombara
Pagina FB: @BombyKat Cosplay
Instagram: @bombykat89
DeviantArt: Natsukikyasarin89

DOMENICO DE MARTINO

Sii il primo a commentare!
 
Lascia una risposta »

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.